Treni: ritirato lo sciopero del 24 settembre in Liguria

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

TRENI: RITIRATO LO SCIOPERO DEL 24 SETTEMBRE IN LIGURIA


Comunicato stampa

Ritirati gli scioperi del trasporto regionale di Trenitalia


Genova, 19 settembre 2017. Durante il mese di agosto le segreterie regionali di Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Fast mobilità, Ugl Taf e Orsa hanno proclamato sciopero per il 24 settembre in alcuni settori del trasporto ferroviario, in particolare la manutenzione rotabili, la manovra nelle stazioni e nei depositi, gli equipaggi e gli appalti delle pulizie. L’esito del confronto sindacale avviato al termine delle vacanze estive, nell’alveo delle procedure previste dalla legge sullo sciopero nei servizi pubblici, ha prodotto alcuni accordi che hanno permesso la sospensione dello sciopero e l’avvio di una serie di incontri sui temi specifici.
La vertenza aperta da anni sul grave problema delle aggressioni contro il personale di front line si è sviluppata sia ai tavoli aziendali territoriali che nazionali, interessando anche il Ministero degli Interni, le Prefetture e l’Assessorato ai Trasporti.
Nel ribadire che un problema di ordine pubblico causato da una condizione di grave degrado sociale non può essere risolta con gli strumenti sindacali, le organizzazioni sindacali hanno chiesto ad azienda e istituzioni una maggiore attenzione al fenomeno, ottenendo alcuni interventi utili a lavoratori e cittadini che utilizzano il treno. Si sono raggiunte intese nazionali e territoriali sulle videosorveglianze a bordo treno e sulle squadre di anti evasione. Si è aperto un percorso al Ministero degli Interni con proposte di interventi concreti e, fra gli altri, un maggior coinvolgimento  della Polfer, con una richiesta forte di garantire la copertura della convenzione tra Polfer e Trenitalia, tanto pubblicizzata ma attualmente insufficiente per le carenze di organico di quel settore.
Continueranno nei prossimi mesi i confronti territoriali sulle iniziative da intraprendere sui treni a rischio segnalati dai lavoratori.
Unica nota stonata, l’Assessore regionale ha ritirato la disponibilità al finanziamento di squadre di vigilantes dimostrata nell’ambito dei primi incontri, invertendo completamente l’approccio al problema, dichiarando comunque di riconoscerne la gravità, ma delegando ogni intervento al Governo in carica.
Sui temi organizzativi dei settori di manovra e manutenzione alla base dello sciopero, la società ha iniziato a dare parziali risposte. In attesa di capire se le soluzioni individuate daranno soluzioni concrete alle carenze di organico denunciate, le segreterie regionali hanno accettato l’invito di Trenitalia di avviare tavoli di confronto specifici, anche in considerazione della delicatissima fase che coincide con le trattative di rinnovo del contratto di servizio tra Trenitalia e laRregione Liguria per i prossimi quindici anni.
Lo sciopero proclamato nel settore delle pulizie dei treni regionali è rientrato grazie all’accordo raggiunto anche sull’anticipazione delle integrazioni salariali da parte dell’appaltatore, ma resta alta l’attenzione su tutti gli appalti ferroviari, martoriati da ribassi d’asta eccessivi, riduzione degli ammortizzatori sociali, e la scelta inaccettabile da parte di una committenza a controllo totalmente pubblico di fare cassa attraverso le gare di appalto, senza considerare le ricadute sociali delle scelte praticate sugli appalti dei servizi.


Segreterie Regionali Liguri di Filt Cgil Fit Cisl Uil trasporti Ugl Fast Orsa