Tragedia a Genova:crolla il Ponte Morandi

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Comunicato stampa

Genova, 14 agosto 2018. La Cgil di Genova e Liguria sono profondamente sconvolte dalla tragedia che ha colpito la città questa mattina con Il crollo del ponte Morandi. Il primo pensiero va alle innocenti vittime, ai feriti, alle loro famiglie, ai soccoritori che si stanno prodigando in queste ore. Tra le vittime ed i feriti molti che stavano raggiungendo luoghi di villeggiatura, ma anche molti lavoratori.  Incredulita' è il sentimento che ora ci attraversa tutti per una disgrazia inconcepibile.  Abbiamo già comunicato alle autorità la disponibilità dei locali e degli spazi della Camera del Lavoro, vicini peraltro al luogo dell'incidente, per qualsiasi evenienza.  Qualunque polemica, da qualsiasi parte arrivi, oggi sarebbe priva di senso ed avrebbe il sapore dello sciacallaggio. Nessuno si deve sentire in diritto (se non la Magistratura che accetterà le reali responsabilità) di dire che cosa bisognava fare.  Va invece avviata una seria e veloce riflessione  su come la città  ed il territorio debbano reagire a questa ennesima tragedia. Una riflessione che traguardi ad un modello di vivibilita', di sicurezza, di viabilità, di lavoro completamente diversi.  La CGIL sarà naturalmente parte attiva e propositiva di questa discussione.  Lo stesso Governo dovrà prevedere un intervento straordinario per la gestione sia  delle emergenze sia per il sostegno economico e lavorativo. A tal fine, Enti Locali e partiti si facciano da subito parte attiva per una rapida convocazione. Genova, oltre ad esprimere dolore per le vittime, non può permettersi di pagare anche dal versante sicurezza e lavorativo le mancate scelte che a questo punto devono solo essere rapidamente assunte.     

Cgil Genova e Liguria