Rinnovo Ccnl logistica, trasporto merci e spedizioni

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Informativa incontri del 13, 14 e 18 ottobre


Il 13, 14 e 18 ottobre è proseguita la trattativa per il rinnovo del CCNL Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni con la presenza di tutte le associazioni datoriali.
Sono stati approfonditi i seguenti temi: autotrasporto e appalti.
Nella prima giornata di lavori CONFETRA e ANITA hanno consegnato, sotto forma di nuovo articolato contrattuale, le proposte di modifica, già consegnate rispettivamente il 27
luglio e 14 luglio 2010, riguardanti: orario di lavoro personale non viaggiante, straordinario, trasferimenti, lavoro somministrato, crisi aziendali, reperibilità, malattia, congedo
matrimoniale, diritto allo studio, tempo determinato, diritti e doveri del lavoratore, preavviso di licenziamento e di dimissioni a cui sono da aggiungere le ulteriori richieste su apprendistato, lavoro a chiamata, franchigia sugli scioperi, allungamento del periodo di prova, diritti sindacali, istituzione di una ricorrenza unica per la festività del Patrono, revisione della disciplina dei prefestivi (24 e 31 dicembre) e la richiesta di ANITA di non pagare la carenza malattia.
Preso atto di quanto sopra, le OO.SS. hanno respinto molte delle richieste, alcune sono state recepite apportando le dovute correzioni/integrazioni da definire in sede di stesura,
per altre è stato chiesto di demandarle alla contrattazione di 2° livello. La discussione è ancora aperta in attesa di un ulteriore passaggio da parte datoriale.
Più complessa risulta la situazione sull’autotrasporto, infatti, rispetto al passo avanti registrato nelle sessioni del 29 e 30 settembre su avviso comune e finestra artigiani, registriamo un arresto del percorso a causa della scarsa volontà di una associazione che, pur di rompere l’unicità del CCNL, non esita a usare strumentalmente la buona fede delle altre associazioni dell’autotrasporto per attuare tecniche dilatorie non più sostenibili e, per fini, che nulla hanno a che fare con le giuste risposte che meritano i lavoratori e l’intero settore.
Grazie alla determinazione di gran parte del fronte sindacale la strumentalizzazione è stata bloccata e, l’intero comparto dell’autotrasporto, produrrà delle proposte entro i primi
giorni di settimana prossima. Rimane in ogni caso la scadenza del 22 c.m. in cui le associazioni artigiane produrranno proposte specifiche per la finestra dedicata.
Anche per quanto riguarda il tema degli appalti, registriamo l’arretramento di una associazione rispetto al lavoro di avvicinamento fatto nelle sessioni del 5 e 6 ottobre. In
particolare, ribaltando le discussioni finora fatte, si vincola la firma del rinnovo contrattuale al raggiungimento di un equilibrio complessivo soddisfacente. Vale a dire si pone una riserva che si scioglierà solo al termine del percorso.
Posizione difficilmente comprensibile e che rende evidente non solo la complessità della trattativa, ma anche e soprattutto il livello di affidabilità dei soggetti presenti al tavolo che, invece di preoccuparsi di perseguire l’interesse dell’intero settore, si occupano del mero spicciolame di bottega o di qualche imprenditore d’assalto intento ad accaparrarsi arditamente fette di mercato a scapito dei suoi stessi partner.
Le OO. SS., preso atto di quanto sopra, responsabilmente hanno continuato nel lavoro di avvicinamento delle rispettive posizioni, consci che in questo momento è l’unica strada
percorribile per portare a casa il rinnovo in tempi ragionevoli.
Le somme le tireremo alla fine.


La Segreteria Nazionale

 

Roma, 21 ottobre 2010