Savona: la Finintra Engineering di Cairo Montenotte e Verbania condannata per comportamento antisindacale

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

La Finintra Engineering di Cairo Montenotte e Verbania condannata per comportamento antisindacale
art.28 Legge 300 del 1970 “Statuto dei Lavoratori”

Nello scorso 2009 era iniziato il braccio di ferro tra il sindacato Fiom-Cgil di Savona e la Direzione Aziendale della Finintra Engineering di Cairo Monteotte con sede in Vogona (Verbania). La Direzione Finintra Enginering dal 2008 mensilmente trattiene somme nelle buste paga dei lavoratori a favore del fondo pensione di categoria ”Cometa” e del Sindacato Fiom-Cgil senza averle mai realmente versate, danneggiando i lavoratori interessati  in maniera molto pesante.

Pur di evitare una azione legale e risolvere l’annoso problema la Fiom-Cgil di Savona nel corso degli ultimi 3 anni aveva concordato più volte con la Direzione Fnintra un calendario per il recupero di tali somme che si aggirano intorno ai 150 mila euro, purtroppo con risultati molto negativi, visto che la Finintra mai ha dato corso agli accordi.

Oggi i lavoratori interessati si trovano ad avere una duplice problematica; imminente, visto che hanno una trattenuta mensile che erode il loro salario e ancor peggio futura visto che i denari trattenuti da Finintra ma mai versati al fondo Pensione non stanno avendo e non avranno un risultato in termini di interessi.

Nel luglio scorso la Fiom Cgil di Savona ha iniziato una causa legale con la Direzione Finintra che si è conclusa nella giornata di martedì 24 gennaio scorso con la condanna per il reato di “comportamento antisindacale” dal Giudice Luca Fadda del Tribunale di Savona, per non aver adempiuto agli obblighi di versamento al fondo pensione Cometa la contribuzione a suo carico , nonché quella a carico dei singoli Lavoratori, omettendo di versare a tale fondo i contributi, dopo averli trattenuti dalla busta paga dei lavoratori dal 2008 al dicembre 2011, e ordina alla Finintra Engineering di rimuovere il comportamento antisindacale e dare corso ai previsti versamenti.

Il magistrato ha così dato ragione alla Fiom-Cgil di Savona  che era ricorsa contro l’azienda per i ripetuti atteggiamenti volti a limitare i diritti dei lavoratori, sanciti dallo Statuto dei Lavoratori e, dagli accordi Nazionali e dalla Legge.
«Non posso che esprimere piena soddisfazione per la sentenza e ringrazio l’avvocato Eliana Pinotti  per il lavoro svolto», ha subito commentato la notizia il segretario della FIOM CGIL di Savona Andrea Pasa. Il Giudice  peraltro ha accolto tutte le istanze del sindacato territoriale «In un momento in cui vengono messi in discussione i fondamenti stessi dell’azione e dell’esistenza del sindacato, la condanna subìta dalla Finintra Engineering deve essere un monito per chiunque cerchi di limitare, o peggio cancellare, i diritti dei lavoratori», ha ribadito Pasa.

La circostanza che la Società si trovi in difficoltà economica , oggi addirittura in cassa integrazione straordinaria per crisi, non esclude, tuttavia, il carattere antisindacale della stessa, visto che le somme interessate sono denari dei Lavoratori e non dell’Azienda.

01 Febbraio 2012

FIOM-CGIL Savona